SCHEDE TECNICHE

SPECIE FUNGINE

Aleuria aurantia (Pers.) Fuckel
Arcyria cinerea (Bull.) Pers., Syn. meth. fung. (Gottingen) 1: 184 (1801)
Chlorociboria aeruginosa (Oeder) Seaver ex C.S. Ramamurthi, Korf & L.R. Batra, Mycologia 49(6): 859 (1958) [1957]
Conocybe fuscimarginata (Murrill) Singer, Beih. Nova Hedwigia 29: 210 (1969)
Floccularia luteovirens (Alb. & Schwein.) Pouzar, Ceska Mykol. 11: 50 (1957)
Lactarius volemus (Fr.) Fr., Epicr. syst. mycol. (Upsaliae): 344 (1838) [1836-1838]
Lasiosphaeria lanuginosa (P. Crouan & H. Crouan) A.N. Mill. & Huhndorf, Mycol. Res. 108(1): 31 (2004)
Phallus impudicus L., Sp. pl. 2: 1178 (1753)
Phellinus igniarius (L.) Quel., Enchir. fung. (Paris): 177 (1886)
Phloeomana hiemalis (Osbeck) Redhead, Index Fungorum 289: 1 (2016)
Phloeomana minutula (Sacc.) Redhead, Index Fungorum 290: 1 (2016)
Scleroderma bovista Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 48 (1829)
Arrhenia spathulata (Fr.) Redhead, Can. J. Bot. 62(5): 876 (1984)
Botryobasidium aureum Parmasto, Eesti NSV Tead. Akad. Toim., Biol. seer 14(2): 220 (1965)
Cheilymenia stercorea (Pers. : Fr.) Boud.  f. stercorea
Ciboria  batschiana (Zopf) N. F. Buchw  
Coprinellus angulatus (Peck) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Crucibulum laeve (Huds.) Kambly, Gast. Iowa: 167 (1936)
Cyathus stercoreus (Schwein.) De Toni, in Berlese, De Toni & Fischer, Syll. fung. (Abellini) 7: 40 (1888)
Flammulina ononidis Arnolds, Westfälische Pilzbriefe 11(3-4): 33 (1977)
Hymenoscyphus serotinus (Pers.) W. Phillips, Man. Brit. Discomyc. (London): 125 (1887)
Hypomyces chrysospermus Tul. & C. Tul., Annls Sci. Nat., Bot., sér. 4 13: 16 (1860)
Lacrymaria lacrymabunda (Bull.) Pat., Hyménomyc. Eur. (Paris): 123 (1887)
Lycogala terrestre Fr., in Fries & Nordholm, Symb. gasteromyc. (Lund) 1: 10 (1817)
Lycoperdon utriforme Bull., Hist. Champ. Fr. (Paris): 153 (1791)
Psilocybe subcoprophila (Britz.) Sacc.
Rhizopus stolonifer (Ehrenb.) Vuill., Revue mycol., Toulouse 24: 54 (1902)
Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud., Bull. Soc. mycol. Fr. 1: 103 (1885)
Schizophyllum commune Fr. [as Schizophyllus communis], Observ. mycol. (Havniae) 1: 103 (1815)
Stemonitis fusca Roth 1787
Stictis radiata (L.) Pers., Observ. mycol. (Lipsiae) 2: 73 (1800) [1799]
Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794)
Tubaria furfuracea (Pers.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 537 (1876) [1878]
Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,


NOME VIGENTE:

Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794)

SINONIMI:

Hypocrea rufa (Pers.) Fr., Summa veg. Scand., Section Post. (Stockholm): 383 (1849)
Hypocrea rufa f. formosana Yoshim. Doi, in Doi, Doi & Toyozawa, Bull. natn. Sci. Mus., Tokyo, B 10(2): 78 (1984)
Hypocrea rufa (Pers.) Fr., Summa veg. Scand., Section Post. (Stockholm): 383 (1849) f. rufa
Hypocrea rufa f. sterilis Rifai & J. Webster, Trans. Br. mycol. Soc. 49(2): 294 (1966)
Hypocrea rufa subsp. lateritia Sacc., Michelia 1: 301 (1877)
Hypocrea rufa (Pers.) Fr., Summa veg. Scand., Section Post. (Stockholm): 383 (1849) subsp. rufa
Hypocrea rufa subsp. sublateritia Sacc., Michelia 1: 301 (1877)
Hypocrea rufa var. discoidea Rehm, Hedwigia 41(Beibl.): (206) (1902)
Hypocrea rufa var. lateritia Sacc., (1875)
Hypocrea rufa var. minor Z. Moravec, Ceská Mykol. 10(2): 91 (1956)
Hypocrea rufa (Pers.) Fr., Summa veg. Scand., Section Post. (Stockholm): 383 (1849) var. rufa
Hypocrea rufa var. sublateritia Sacc., Fungi venet. nov. vel. Crit., Sér. 4: 24 (1875)
Hypocrea rufa var. umbrina Sacc., Atti Soc. Veneto-Trent. Sci. Nat., Padova, Sér. 4 4: 125 (1875)
Pyrenium lignorum Tode, Fung. mecklenb. sel. (Lüneburg) 1: 33 (1790)
Pyrenium lignorum var. aureum Tode, Fung. mecklenb. sel. (Lüneburg) 1: 33 (1790)
Pyrenium lignorum Tode, Fung. mecklenb. sel. (Lüneburg) 1: 33 (1790) var. lignorum
Pyrenium lignorum var. vulgare Tode, Fung. mecklenb. sel. (Lüneburg) 1: 33, tab. 3:29 (1790)
Sphaeria rufa Pers., Observ. mycol. (Lipsiae) 1: 20 (1796)
Trichoderma lignorum (Tode) Harz, Linig. Hyph.: 29 (1872) [1871]
Trichoderma lignorum (Tode) Harz, Linig. Hyph.: 29 (1872) [1871] var. lignorum
Trichoderma lignorum var. maior Manka & Gierczak, Práce Komisji Nauk Rolniczych i Komisji Nauk Lesnych 9(1): 24 (1961)
Trichoderma viride Schumach., Enum. pl. (Kjbenhavn) 2: 235 (1803)
Trichoderma viride var. kizhanense Krapiv., L.A. Poljak. & Sizova, in Krapivina, Sizova & Polyakova, Mikol. Fitopatol. 9(2): 143 (1975)
Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794) var. viride

  [Index Fungorum:http://www.indexfungorum.names/names.asp]


Ordine:

Hypocreales

Famiglia:

Hypocreaceae

Genere:

Trichoderma

Specie:

T. viride

Nome binomiale Trichoderma viride Pers., (1794)


Descrizione morfobotanica

Descrizione:

Trichoderma viride viene utilizzato come biofungicida, nel trattamento delle sementi e dei terreni, quando si ravvisi la necessità di inibire il  manifestarsi di patologie, legate ad alcune specie fungine patogene. Esso è un ottimo antagonista di funghi patogeni presenti nel terreno, e pertanto rappresenta un valido aiuto nella lotta integrata. [https://en.wikipedia.org/wiki/Trichoderma_virid]
Questa specie fungina, inibisce e reprime la crescita dei marciumi radicali in grado di colpire le specie arboree, le colture orticole e floricole. Infatti le specie responsabili dei marciumi radicali, quali ad es. Armillaria spp; Macrophomina phaseolina; Heterobasidion annosum; Phytophthora spp.; Chondrostereum purpureum; Pythium spp.; Rhizoctonia solani; Fusarium spp; Verticillum spp; Sclerotinia sclerotiorum; Sclerotinia homeocarpa; Botrytis cinerea, sono inibite nella loro crescita dal Trichoderma viride [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]. Il terreno viene pertanto rapidamente colonizzato dal Trichoderma viride, che sottrae il nutrimento a queste specie patogene, inibendone conseguentemente la loro  germinazione [agronotizie.imagelinenetwork.com/difesa-e...trichoderma-viride.../43]. Molti patogeni terricoli, subiscono quindi inibizione di crescita, grazie al suo utilizzo nelle tecniche agronomiche. [www.neemproducts.com/trichoderma.htm]. Tricholoma viride presenta un’ampia distribuzione di crescita; lo si ritrova infatti nell’estremo nord, nelle zone alpine e nelle regioni tropicali; è stato rinvenuto altresì in molte foreste, nelle praterie e nei terreni coltivati. La più ampia variazione genetica, si è riscontrata in Europa ed in nord America. E’ una specie pressoché ubiquitaria, rinvenuta su tappezzerie, legno degradato ed interrato, abitazioni umide, ceramica non smaltata, su altre specie fungine, nei luoghi molto umidi [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]. Il suo micelio produce una varietà di enzimi, che hanno la capacità di degradare la cellulosa e la chitina. Esso può crescere direttamente su legno, poiché presenta un substrato di crescita idoneo, essendo essenzialmente costituito di cellulosa (un polimero del glucosio). Il Trichoderma viride, parassita anche altri funghi, a causa della presenza di chitina (un polimero della n-acetil-glucosamina), ritrovabile nelle loro pareti cellulari [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]. [botit.botany.wisc.edu/toms_fungi/nov2004.html].
Una specie molto simile al Trichoderma viride Pers., il Trichoderma reesei E.G. Simmons, viene utilizzata nell’industria dei  jeans stonewashed  (jeans nuovi, ma dall’aspetto già usato, nei quali il tessuto viene reso morbido, come se fosse stato lavato su pietra. Questa azione è dovuta alla cellulasi, prodotta dal fungo, la quale ha la capacità di degradare il cotone in alcuni punti [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/].
Trichoderma viride può indurre sintomi asmatici, allergici e polmoniti da ipersensibilità in soggetti che sono stati già sensibilizzati o che presentano un deficit nel loro Sistema immunitario [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]. Il Trichoderma viride può anche contaminare  la frutta fresca, sia sul terreno che nelle varie fasi di raccolta e di vendita sul mercato. Per ogni ulteriore ed approfondita consultazione, visitare il Sito [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/].

Le colonie allo stato iniziale sono ialine. La loro crescita avviene in modo abbastanza rapido con tendenza ad assumere presto tonalità verdognole e colorazioni blu-verdognole al margine; tale gradazione cromatica si estende poi all’intera colonia.


Microscopia

Spore:

La forma teleomorfa rappresenta la fase riproduttiva sessuale del fungo,  la quale è in grado di produrre il tipico corpo fruttifero fungino.
Il Tricoderma viride Pers. si distingue per i suoi conidi di forma globosa; altre specie di Trichoderma li possiedono invece di forma ellittica. L’utilizzo del microscopio elettronico a scansione, ha evidenziato la presenza di due modelli diversi di ornamentazioni conidiche, all’interno di ceppi identificati come Trichoderma viride (Eyer & Plaskowitz 1989) [www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2104735/]    
Questa specie produce spore asessuate tramite mitosi (stato anamorfo o conidiale, o fase imperfetta) [www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]. Nello stato  di teleomorfo (meiotico), o della forma perfetta, le ascospore vengono prodotte internamente dagli aschi. Tricoderma viride è stato riconosciuto come lo stato anamorfico di Hypocrea rufa (Pers.) Fr. [www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2104735]
Trichoderma paraviridescens Jaklitsch, Samuels & Voglmayr, = Hypocrea viridescens   è stato di recente descritto come la forma teleomorfa di Trichoderma viride. [www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2104735/]   

Ife: ialine con un diametro di 12 µm. 
Conidiofori: ramificati, a crescita piramidale. Si riscontra la presenza di rami corti vicino la punta, e rami più lunghi nella porzione inferiore. La ramificazione tende a diffondersi ad angolo retto. 
Fialidi: disposte in verticilli di 2-4, strutturate a forma di fiasco, con tendenza ad attenuarsi verso l’estremità, aventi misura 8-14 x 2,5-3,0 µm
Conidi: di forma sub-sferica, di colore ialino, verdi in massa percettibilmente verrucosi, aventi un diametro di 3,1-4,5 µm
Clamidospore: riscontrabili nelle vecchie colture. Si presentano intercalate, a volte sono poste nella porzione terminale, di forma sferica, ialine, con pareti lisce. [www.mycobank.org/Biolomics.aspx?Table=Myco...]



Habitat:

Rinvenuto su un tronco interrato, marcescente, di latifoglie

Luogo di raccolta:

Coppito 3 (L'Aquila), in data 18.10.2015.

Coordinate: N    42°  22'  16,3''
                    ED 13 ° 19'  15,3 "

Altitudine 687 m s.l.m.


Strumentazione Usata:

Foto macro effettuate con macchina fotografica Nikon (mod. D 5000); obiettivo Nikon AF-S Micro Nikkor 105 mm. Osservazione stadio anamorfo eseguito con uno Stereomicroscopio della Zeiss, collegato ad un Sistema di Acquisizione per le Immagini. Foto conidi e conidiospore, ottenute in luce trasmessa, tramite il Sistema di Acquisizione per le Immagini della Leica.


Techiche analitiche usate:

Osservazione microscopica attuata su materiale fresco, utilizzando acqua; Rosso Congo ammoniacale al 6%, Lugol, per porre in risalto le varie strutture.


Bibliografia:

[agronotizie.imagelinenetwork.com/difesa-e...trichoderma-viride.../43
[botit.botany.wisc.edu/toms_fungi/nov2004.html]
[https://en.wikipedia.org/wiki/Trichoderma_viride]
Index Fungorum: http://www.indexfungorum.names/names.asp
[www.mycobank.org/Biolomics.aspx?Table=Myco...]
[www.neemproducts.com/trichoderma.htm].
[www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2104735/]    
[www.phadia.com/en/.../Trichoderma-viride-/]




* La nomenclatura vigente, segue le abbreviazioni dei nomi degli autori dei Taxa Fungini Secondo CABI (Bioscience 2003) Nomi correnti delle specie tratti da "Storia della micologia italiana e primo contributo alla nomenclatura corretta dei funghi" - ISPRA - A.M.B. C.s.m. (Centro Studi Micologici) - manuali e linee guida 104/2013


Amministrazione

username

password



Tutti i marchi ed i contenuti citati appartengono ai leggittimi proprietari
Si autorizza l'uso delle foto presenti su questo sito unicamente citando la fonte
Giacomo Attili - Via Grazia Deledda n° 2 - 67100 L'Aquila

Offered by: