SCHEDE TECNICHE

SPECIE FUNGINE

Aleuria aurantia (Pers.) Fuckel
Arcyria cinerea (Bull.) Pers., Syn. meth. fung. (Gottingen) 1: 184 (1801)
Chlorociboria aeruginosa (Oeder) Seaver ex C.S. Ramamurthi, Korf & L.R. Batra, Mycologia 49(6): 859 (1958) [1957]
Conocybe fuscimarginata (Murrill) Singer, Beih. Nova Hedwigia 29: 210 (1969)
Floccularia luteovirens (Alb. & Schwein.) Pouzar, Ceska Mykol. 11: 50 (1957)
Lactarius volemus (Fr.) Fr., Epicr. syst. mycol. (Upsaliae): 344 (1838) [1836-1838]
Lasiosphaeria lanuginosa (P. Crouan & H. Crouan) A.N. Mill. & Huhndorf, Mycol. Res. 108(1): 31 (2004)
Phallus impudicus L., Sp. pl. 2: 1178 (1753)
Phellinus igniarius (L.) Quel., Enchir. fung. (Paris): 177 (1886)
Phloeomana hiemalis (Osbeck) Redhead, Index Fungorum 289: 1 (2016)
Phloeomana minutula (Sacc.) Redhead, Index Fungorum 290: 1 (2016)
Scleroderma bovista Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 48 (1829)
Arrhenia spathulata (Fr.) Redhead, Can. J. Bot. 62(5): 876 (1984)
Botryobasidium aureum Parmasto, Eesti NSV Tead. Akad. Toim., Biol. seer 14(2): 220 (1965)
Cheilymenia stercorea (Pers. : Fr.) Boud.  f. stercorea
Ciboria  batschiana (Zopf) N. F. Buchw  
Coprinellus angulatus (Peck) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Crucibulum laeve (Huds.) Kambly, Gast. Iowa: 167 (1936)
Cyathus stercoreus (Schwein.) De Toni, in Berlese, De Toni & Fischer, Syll. fung. (Abellini) 7: 40 (1888)
Flammulina ononidis Arnolds, Westfälische Pilzbriefe 11(3-4): 33 (1977)
Hymenoscyphus serotinus (Pers.) W. Phillips, Man. Brit. Discomyc. (London): 125 (1887)
Hypomyces chrysospermus Tul. & C. Tul., Annls Sci. Nat., Bot., sér. 4 13: 16 (1860)
Lacrymaria lacrymabunda (Bull.) Pat., Hyménomyc. Eur. (Paris): 123 (1887)
Lycogala terrestre Fr., in Fries & Nordholm, Symb. gasteromyc. (Lund) 1: 10 (1817)
Lycoperdon utriforme Bull., Hist. Champ. Fr. (Paris): 153 (1791)
Psilocybe subcoprophila (Britz.) Sacc.
Rhizopus stolonifer (Ehrenb.) Vuill., Revue mycol., Toulouse 24: 54 (1902)
Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud., Bull. Soc. mycol. Fr. 1: 103 (1885)
Schizophyllum commune Fr. [as Schizophyllus communis], Observ. mycol. (Havniae) 1: 103 (1815)
Stemonitis fusca Roth 1787
Stictis radiata (L.) Pers., Observ. mycol. (Lipsiae) 2: 73 (1800) [1799]
Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794)
Tubaria furfuracea (Pers.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 537 (1876) [1878]
Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,


NOME VIGENTE:

Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,

SINONIMI:

Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,
 in Cohn, Krypt.-Fl. Schlesien (Breslau) 3.2(1-2): 25 (1893) [1908]

sinonimi

Ptychoverpa bohemica (Krombh.) Boud.,
Hist. Class. Discom. Eur. (Paris): 34 (1907)

Mitrophora bohemica (Krombh.) Gillet, (1879)
Morchella bispora Sorokin, Mycoth. Univ., cent.: no. 609 (1877)
Morchella bispora Sorokin, Mycoth. Univ., cent.: no. 609 (1877) var. bispora
Morchella bispora var. truncata Peck, Ann. Rep. Reg. N.Y. St. Mus. 46: 118 (1894) [1893]
Morchella bohemica Krombh., Naturgetr. Abbild. Beschr. Schwämme (Prague) 3: tab. 15, fig. 1-13 (1834)
Morchella bohemica var. bispora (Sorokin) Cooke, Mycogr., Vol. 1. Discom. (London) 1: 188 (1878)
Morilla speciosa var. bohemica (Krombh.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 271 (1886)
Phalloboletus bisporus (Sorokin) Kuntze, (1891)
Phalloboletus bohemicus (Krombh.) Kuntze, (1891)
Ptychoverpa bohemica (Krombh.) Boud., Hist. Class. Discom. Eur. (Paris): 34 (1907) var. bohemica
Ptychoverpa bohemica var. pallida (Pilát & Svrcek) Svrcek, Ceská Mykol. 35(2): 88 (1981)
Verpa bispora (Sorokin) Lagarde, (1924)
Verpa bohemica var. bispora (Sorokin) Syd. & P. Syd., Annls mycol. 8(5): 490 (1910)
Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt., in Cohn, Krypt.-Fl. Schlesien (Breslau) 3.2(1–2): 25 (1893) [1908] var. bohemica
Verpa bohemica var. pallida Pilát & Svrcek, Ceská Mykol.: 25 (1968)

* Nomenclatura tratta da Index Fungorum




Ordine:

Pezizales

Famiglia:

Morchellaceae

Genere:

Verpa

Specie:

 V. bohemica   (Nomenclatura binomiale: Verpa bohemica)

Descrizione morfobotanica

Ascoma:

Provvisto di un lungo stipite. La porzione superiore (mitra), di forma campanulata, si inserisce all’apice del gambo; essa è formata da un accostamento di apoteci, uniti attraverso i lembi estremi, ma non fusi, presentanti forme irregolari, ed uniti gli uni agli altri in modo simile alle morchelle. Sull’imenoforo sono presenti costolature, delle venature irregolari, labirintiformi, le quali ricordano le circonvoluzioni cerebrali. La porzione esterna è  di colore bruno-chiaro, bruno-scuro con riflessi cognac; la  parte interna è invece di colore biancastro, leggermente ruvida, saldata sulla parte superiore del gambo e tutto il resto ne rimane invece staccato. L’orlo è ondulato.

Gambo:

Di colore biancastro, giallo-bruniccio, sporco dopo le piogge, debolmente ocra alla manipolazione. La parte esterna può presentarsi liscia o rugosa. Negli stadi iniziali di crescita, è farcito internamente, con presenza di una sostanza midollare; è cavo da adulto. Ha  forma cilindrica, ingrossato alla base, con delle protuberanze irregolari.

Carne:

Cassante, fragile, bianca nella parte superiore, ocraceo-chiara nel gambo, con tonalità fulve alla base. Odore di tipo spermatico, simile a quello di altri ascomiceti, come ad esempio le morchelle. 

Microscopia

Spore:

di grandi dimensioni, ialine, aventi forma ellittico-arcuata, con misura di 50-90 x 12-22  μm, disposte su una fila all’interno dell’asco  (uniseriate).
aschi: bisporici, con dimensioni di 280-350 x 18-23 μm, e reazione amiloide J -
parafisi: settate, di forma cilindrica, larghe 5-8 μm, dilatate nella porzione apicale, biforcate alla base.


Habitat:

Questa specie  può rinvenirsi all’inizio della primavera, sia singolarmente che gregaria, in luoghi umidi sotto latifoglie e lungo i margini dei fiumi, in luoghi sabbiosi.

Luogo di raccolta:

Specie rinvenuta in data 25.05.2013 sotto latifoglie, in località Roccapassa di Amatrice (RI) 972  m  s.l.m.

Strumentazione Usata:

Osservazione microscopica attuata in luce trasmessa, con il Sistema di Acquisizione delle Immagini (Leica). Foto macro eseguite con macchina fotografica Nikon D 5000; obiettivo Nikon AF-S Micro Nikkor 105 mm. 

Commestibilità:

Questo fungo, prima considerato commestibile, ora è ritenuto fortemente sospetto. Ha tossine termolabili, per cui se ingerito crudo o poco cotto, risulta tossico a causa della presenza dell'acido helvellico, con  possibile sindrome emolitica e manifestazioni analoghe a quelle prodotte da altre specie fugine, inclusi diversi ascomiceti. Pasti abbondanti e ripetuti nel tempo, sembra diano inoltre origine a manifestazioni analoghe a quelle prodotte dalla Sindrome giromitrica.



Bibliografia:

J. Breitembach  F. kränzlin - 1984 “Champignon De Suisse - Les Ascomycétes- vol. 1”  Mikologia Luzern pag. 48 tav. 9
Bruno Cetto 1992 “I funghi dal vero vol. 2” - Arti Grafiche Saturnia- Trento pag. 657 tav 807
Giovanni Consiglio-Carlo Papetti  2001 “Atlante Fotografico dei Funghi d’Italia vol. 2” AMB- Centro Studi Micologici pag. 970
Gianfranco Medardi 2006 “Atlante Fotografico degli Ascomiceti d’Italia” A.M..B. - Centro Studi Micologici pag. 302
Index Fungorum: http://www.indexfungorum.names/names.asp




* La nomenclatura vigente, segue le abbreviazioni dei nomi degli autori dei Taxa Fungini Secondo CABI (Bioscience 2003) Nomi correnti delle specie tratti da "Storia della micologia italiana e primo contributo alla nomenclatura corretta dei funghi" - ISPRA - A.M.B. C.s.m. (Centro Studi Micologici) - manuali e linee guida 104/2013


Amministrazione

username

password



Tutti i marchi ed i contenuti citati appartengono ai leggittimi proprietari
Si autorizza l'uso delle foto presenti su questo sito unicamente citando la fonte
Giacomo Attili - Via Grazia Deledda n° 2 - 67100 L'Aquila

Offered by: