SCHEDE TECNICHE

SPECIE FUNGINE

Aleuria aurantia (Pers.) Fuckel
Arcyria cinerea (Bull.) Pers., Syn. meth. fung. (Gottingen) 1: 184 (1801)
Chlorociboria aeruginosa (Oeder) Seaver ex C.S. Ramamurthi, Korf & L.R. Batra, Mycologia 49(6): 859 (1958) [1957]
Conocybe fuscimarginata (Murrill) Singer, Beih. Nova Hedwigia 29: 210 (1969)
Floccularia luteovirens (Alb. & Schwein.) Pouzar, Ceska Mykol. 11: 50 (1957)
Lactarius volemus (Fr.) Fr., Epicr. syst. mycol. (Upsaliae): 344 (1838) [1836-1838]
Lasiosphaeria lanuginosa (P. Crouan & H. Crouan) A.N. Mill. & Huhndorf, Mycol. Res. 108(1): 31 (2004)
Phallus impudicus L., Sp. pl. 2: 1178 (1753)
Phellinus igniarius (L.) Quel., Enchir. fung. (Paris): 177 (1886)
Phloeomana hiemalis (Osbeck) Redhead, Index Fungorum 289: 1 (2016)
Phloeomana minutula (Sacc.) Redhead, Index Fungorum 290: 1 (2016)
Scleroderma bovista Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 48 (1829)
Arrhenia spathulata (Fr.) Redhead, Can. J. Bot. 62(5): 876 (1984)
Botryobasidium aureum Parmasto, Eesti NSV Tead. Akad. Toim., Biol. seer 14(2): 220 (1965)
Cheilymenia stercorea (Pers. : Fr.) Boud.  f. stercorea
Ciboria  batschiana (Zopf) N. F. Buchw  
Coprinellus angulatus (Peck) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Crucibulum laeve (Huds.) Kambly, Gast. Iowa: 167 (1936)
Cyathus stercoreus (Schwein.) De Toni, in Berlese, De Toni & Fischer, Syll. fung. (Abellini) 7: 40 (1888)
Flammulina ononidis Arnolds, Westfälische Pilzbriefe 11(3-4): 33 (1977)
Hymenoscyphus serotinus (Pers.) W. Phillips, Man. Brit. Discomyc. (London): 125 (1887)
Hypomyces chrysospermus Tul. & C. Tul., Annls Sci. Nat., Bot., sér. 4 13: 16 (1860)
Lacrymaria lacrymabunda (Bull.) Pat., Hyménomyc. Eur. (Paris): 123 (1887)
Lycogala terrestre Fr., in Fries & Nordholm, Symb. gasteromyc. (Lund) 1: 10 (1817)
Lycoperdon utriforme Bull., Hist. Champ. Fr. (Paris): 153 (1791)
Psilocybe subcoprophila (Britz.) Sacc.
Rhizopus stolonifer (Ehrenb.) Vuill., Revue mycol., Toulouse 24: 54 (1902)
Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud., Bull. Soc. mycol. Fr. 1: 103 (1885)
Schizophyllum commune Fr. [as Schizophyllus communis], Observ. mycol. (Havniae) 1: 103 (1815)
Stemonitis fusca Roth 1787
Stictis radiata (L.) Pers., Observ. mycol. (Lipsiae) 2: 73 (1800) [1799]
Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794)
Tubaria furfuracea (Pers.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 537 (1876) [1878]
Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,


NOME VIGENTE:

Lycogala terrestre Fr., in Fries & Nordholm, Symb. gasteromyc. (Lund) 1: 10 (1817)

SINONIMI:

Lycogala epidendrum var. terrestre (Fr.) Y. Yamam., The Myxomycete Biota of Japan (Tokyo): 118 (1998)


Tratto da Index Fungorum


Ordine:

Liceida

Famiglia:

Reticulariaceae

Genere:

Lycogala

Specie:

 L. epidendrum   (Nomenclatura: Lycogala epidendrum  var. terrestre)

Descrizione morfobotanica

Descrizione:

Il Genere Lycogala raggruppa specie con etalio sessile; sono cioè prive di gambo. La crescita può essere isolata, gregaria o in gruppi. La cortex (corteccia) è persistente, spessa, costituita da più strati, di rado membranosi o spugnosi, presto lisci o contenenti delle vescicole, le quali  maturando formano scaglie.
Nei Mixomiceti, il plasmodio rappresenta lo stadio del ciclo vitale; esso è costituito da una massa nuda protoplasmatica, dotata di mobilità. Si presenta plurinucleato, di forma variabile; a maturità si trasforma in un corpo fruttifero fisso, definito: sporangio, etalio o plasmocarpo. In Lycogala terrestre tale plasmodio è  color arancio chiaro, rosa-salmone, a volte crema, mai con tonalità rosso acceso.
L’etalio è un  corpo fruttifero di forma irregolare, nudo, o ricoperto da un rivestimento comune. Nei mixomiceti, è generato dall’unione di più sporangi che con l’agglomerazione perderanno la loro individualità. E’ costituito di due parti: il peridio (ossia la struttura adibita a produrre le spore fertili), ed il capillizio (la parte sterile). I resti del peridio rimangono all’interno e formano lo  pseudocapillizio; la superficie è ricoperta da una cortex fugace, ossia da una membrana spessa, di natura calcarea che ricopre la superficie dell’etalio. Le scaglie della cortex assumono forma ramificata. In Lycogala terrestre l’etalio si presenta in gruppi, pulvinati (guancialiformi), aventi un diametro di 5-20 µm, dai colori rosa o camoscio chiaro.
Lo pseudocapillizio è costituito dai  resti del peridio dello sporocarpo, che è incompletamente formato. Si presenta sotto forma di filamenti fibrosi, tubuli, placche membranose +/- rigide, perforate o lacerate. Esso si trova nell'etalio, frammisto a volte, con un vero capillizio. In Lycogala terrestre lo pseudo capillizio è formato da tubuli, aventi un diametro di 4,5-12 µm; i più larghi possono raggiungere dimensioni di 25 µm.




Microscopia

Spore:

in massa di colore rosa, pesca, salmone; il colore rosa può persistere per diversi anni. Al microscopio sono ialine, ornate di creste, finemente reticolate, aventi misura di 6-7,5 µm

Habitat:

su un tronco tagliato di aghifoglie

Luogo di raccolta:

 Monteluco di Roio (AQ) in data  28.06.2014


Longitudine: 13.37877
Latititudine: 42.33874
Altitudine:         949 m s.l.m.
Azimuth 77,7
UTC         2014-06-28 16:36:19+0000
Accuracy                 10



Strumentazione Usata:

Osservazione microscopica attuata in luce trasmessa, con il Sistema di Acquisizione delle Immagini (Leica). Foto macro eseguite con macchina fotografica Nikon D 5000; obiettivo Nikon AF-S Micro Nikkor 105 mm.



Techiche analitiche usate:

Osservazione microscopica eseguita su materiale fresco, utilizzando H20;  Rosso Congo ammoniacale al 6% per porre in risalto le varie strutture.

Bibliografia:

POULAIN MICHAEL MEYER MARIANNE BOZONNET JEAN  - 2011 “Les Myxomycètes”  Fédération mycologique et botanique Dauphiné”- Savoie Le Prieuré  ATLAS p. 55-57
Giacomo Lazzari  1980 “Glossario Micologico in cinque lingue” Gruppo Micologico G. Bresadola -Trento
Index Fungorum: http://www.indexfungorum.names/names.asp





* La nomenclatura vigente, segue le abbreviazioni dei nomi degli autori dei Taxa Fungini Secondo CABI (Bioscience 2003) Nomi correnti delle specie tratti da "Storia della micologia italiana e primo contributo alla nomenclatura corretta dei funghi" - ISPRA - A.M.B. C.s.m. (Centro Studi Micologici) - manuali e linee guida 104/2013


Amministrazione

username

password



Tutti i marchi ed i contenuti citati appartengono ai leggittimi proprietari
Si autorizza l'uso delle foto presenti su questo sito unicamente citando la fonte
Giacomo Attili - Via Grazia Deledda n° 2 - 67100 L'Aquila

Offered by: