SCHEDE TECNICHE

SPECIE FUNGINE

Aleuria aurantia (Pers.) Fuckel
Arcyria cinerea (Bull.) Pers., Syn. meth. fung. (Gottingen) 1: 184 (1801)
Chlorociboria aeruginosa (Oeder) Seaver ex C.S. Ramamurthi, Korf & L.R. Batra, Mycologia 49(6): 859 (1958) [1957]
Conocybe fuscimarginata (Murrill) Singer, Beih. Nova Hedwigia 29: 210 (1969)
Floccularia luteovirens (Alb. & Schwein.) Pouzar, Ceska Mykol. 11: 50 (1957)
Lactarius volemus (Fr.) Fr., Epicr. syst. mycol. (Upsaliae): 344 (1838) [1836-1838]
Lasiosphaeria lanuginosa (P. Crouan & H. Crouan) A.N. Mill. & Huhndorf, Mycol. Res. 108(1): 31 (2004)
Phallus impudicus L., Sp. pl. 2: 1178 (1753)
Phellinus igniarius (L.) Quel., Enchir. fung. (Paris): 177 (1886)
Phloeomana hiemalis (Osbeck) Redhead, Index Fungorum 289: 1 (2016)
Phloeomana minutula (Sacc.) Redhead, Index Fungorum 290: 1 (2016)
Scleroderma bovista Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 48 (1829)
Arrhenia spathulata (Fr.) Redhead, Can. J. Bot. 62(5): 876 (1984)
Botryobasidium aureum Parmasto, Eesti NSV Tead. Akad. Toim., Biol. seer 14(2): 220 (1965)
Cheilymenia stercorea (Pers. : Fr.) Boud.  f. stercorea
Ciboria  batschiana (Zopf) N. F. Buchw  
Coprinellus angulatus (Peck) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Crucibulum laeve (Huds.) Kambly, Gast. Iowa: 167 (1936)
Cyathus stercoreus (Schwein.) De Toni, in Berlese, De Toni & Fischer, Syll. fung. (Abellini) 7: 40 (1888)
Flammulina ononidis Arnolds, Westfälische Pilzbriefe 11(3-4): 33 (1977)
Hymenoscyphus serotinus (Pers.) W. Phillips, Man. Brit. Discomyc. (London): 125 (1887)
Hypomyces chrysospermus Tul. & C. Tul., Annls Sci. Nat., Bot., sér. 4 13: 16 (1860)
Lacrymaria lacrymabunda (Bull.) Pat., Hyménomyc. Eur. (Paris): 123 (1887)
Lycogala terrestre Fr., in Fries & Nordholm, Symb. gasteromyc. (Lund) 1: 10 (1817)
Lycoperdon utriforme Bull., Hist. Champ. Fr. (Paris): 153 (1791)
Psilocybe subcoprophila (Britz.) Sacc.
Rhizopus stolonifer (Ehrenb.) Vuill., Revue mycol., Toulouse 24: 54 (1902)
Sarcoscypha coccinea (Gray) Boud., Bull. Soc. mycol. Fr. 1: 103 (1885)
Schizophyllum commune Fr. [as Schizophyllus communis], Observ. mycol. (Havniae) 1: 103 (1815)
Stemonitis fusca Roth 1787
Stictis radiata (L.) Pers., Observ. mycol. (Lipsiae) 2: 73 (1800) [1799]
Trichoderma viride Pers., Neues Mag. Bot. 1: 92 (1794)
Tubaria furfuracea (Pers.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 537 (1876) [1878]
Verpa bohemica (Krombh.) J. Schröt.,


NOME VIGENTE:

Scleroderma bovista Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 48 (1829)

SINONIMI:

Scleroderma fuscum (Corda) E. Fisch., in Engler & Prantl, Nat. Pflanzenfam., Teil. I (Leipzig) 1**: 336 (1900)
Scleroderma texense Berk., London J. Bot. 4: 308 (1845)
Scleroderma verrucosum subsp. bovista (Fr.) Šebek, Sydowia 7(1-4): 177 (1953)
Scleroderma verrucosum var. bovista (Fr.) Šebek, Fl. CSR, B-1, Gasteromycetes: 570 (1958)
Tuber fuscum Corda, Icon. fung. (Prague) 1: 25 (1837)

* Tratto da Index Fungorum


Ordine:

Boletales

Famiglia:

Sclerodermataceae

Genere:

Scleroderma

Specie:

 S. bovista   (Nomenclatura binomiale: Scleroderma bovista)

Descrizione morfobotanica

Descrizione:

Carpofori: epigei, gregari, di forma globosa, reniformi, turbinati, sessili o con presenza di un gambo solcato in senso longitudinale, misurante dai 10 ai 20 mm, ricoperto spesso di terriccio e frammenti miceliari, con aspetto rizomorfico di colore biancastro. Peridio liscio, di consistenza elastica, tenace allo stato fresco; esso si lacera in modo irregolare a maturità, consentendo la fuoriuscita della massa sporale. Spessore parietale di 1-1,5 mm, con la base presentante un ispessimento maggiore. Il colore del carpoforo è cuoio-chiaro, giallo-pallido, argilla-chiaro (alutaceo), bruniccio. Cuticola liscia, screpolata in modo irregolare nella porzione apicale, con verruche piatte di colore giallo-bruno; nei giovani esemplari, può presentare tonalità aranciato-rossicce. La parte inferiore e la porzione basale del carpoforo sono sempre lisce. Gleba compatta di colore bianco allo stato giovanile; partendo dal centro, in fase di maturazione, essa raggiunge un colore viola, bruno-nerastro, con venature bianche. Polvere sporale bruno-oliva, grigio-verde scuro, infine grigio-nerastra.

Caratteri distintivi: 1) Superficie liscia presente sulle pareti laterali e sulla base del carpoforo. 2) Smagliature irregolari poste sulla sommità. 3) Ornamentazione reticolata delle spore; 4) Presenza costante di giunti a fibbia.



Microscopia

Spore:

Color tabacco, marroncine, di forma globosa, reticolate-crestate, con maglie ben visibili, aventi misura: 8,6-10,6 x 7,1-11,5 µm. Creste alte 1,4-2,2 µm. Allo stadio giovanile, le spore sono circondate da un alone, costituito in massima parte di cellule che rimangono imprigionate tra gli aculei; questo alone fornisce loro nutrimento. Si rinvengono inoltre: ife ialine catenulate, moniliformi, presentanti diverticoli e setti. 


Giunti a fibbia:

Sul peridio e sulla gleba, si osservano ife intrecciate, parallele, aventi un diametro di 4,7-7,1 µm con pareti sottili e costante presenza di giunti a fibbia.

Habitat:

Zone sabbiose, boschi di latifoglie e aghifoglie, sotto Cedrus e Pinus, parchi cittadini, giardini. Sia in estate che in autunno



Luogo di raccolta:

Parco del Castello di L’Aquila (09.07.2014)
Long. 13.40435
Lat. 42.35496
Altit. 764 m. s.l.m.
Azimuth 270,7
2014-07-09 15:04:36 + 0000
Accuracy 5,00


Strumentazione Usata:

Osservazione microscopica attuata in luce trasmessa, con il Sistema di Acquisizione delle Immagini (Leica). Foto macro eseguite con macchina fotografica Nikon D 5000; obiettivo Nikon AF-S Micro Nikkor 105 mm.



Techiche analitiche usate:

Osservazione microscopica attuata su materiale fresco, utilizzando H20; Rosso Congo ammoniacale al 6% per porre in risalto le varie strutture.



Bibliografia:

J. Breitenbach/F. Kränzlin 1986 “Champignons de Suisse” mykologia Luzern pag. 386 tav. 505 
Mario Sarasini “Gasteromiceti epigei” 2005 – A.M.B. Centro Studi Micologici p. 317
Giovanni Consiglio Carlo Papetti 2001 “Atlante fotografico dei funghi d’Italia” – A.M.B. Centro Studi Micologici
Bruno Cetto “ I funghi dal vero” vol. 5 1993 – Saturnia pag. 585 tav 2069
Index Fungorum: http://www.indexfungorum.names/names.asp





* La nomenclatura vigente, segue le abbreviazioni dei nomi degli autori dei Taxa Fungini Secondo CABI (Bioscience 2003) Nomi correnti delle specie tratti da "Storia della micologia italiana e primo contributo alla nomenclatura corretta dei funghi" - ISPRA - A.M.B. C.s.m. (Centro Studi Micologici) - manuali e linee guida 104/2013


Amministrazione

username

password



Tutti i marchi ed i contenuti citati appartengono ai leggittimi proprietari
Si autorizza l'uso delle foto presenti su questo sito unicamente citando la fonte
Giacomo Attili - Via Grazia Deledda n° 2 - 67100 L'Aquila

Offered by: